Cos’è la fibromialgia

E’ per me un argomento molto delicato e difficile da raccontare senza che mi salga il tremolio dallo stomaco per l’ansia che mi crea solo ricordare quei momenti brutti, perché vivere con la fibromialgia è stata dura. La FIBROMIALGIA è una malattia che principalmente si manifesta con un persistente dolore muscoloscheletrico diffuso e forte stanchezza (astenia) fino a toglierti la voglia di vivere. La fibromialgia è una malattia invisibile, tu sai di stare male ma gli altri non riescono a capire cosa c’è che non va in te. E’ comprensibile, all’inizio non lo sai nemmeno tu! Infatti la fibromialgia è difficile da diagnosticare spesso data per incurabile poiché la FIBROMIALGIA confonde, in quanto è una miscellanea di sintomi presenti anche in altre patologie. Ti racconto come ho sconfitto la fibromialgia.

Ti voglio raccontare la mai esperienza con la Fibromialgia

Oggi mi reputo guarita, ma come ho sconfitto la fibromialgia? Ce l’ho messa tutta. Ce l’ho fatta con tanta determinazione tanta forza di volontà e il supporto della mia bellissima famiglia, si penso di essere guarita, anche se so che la fibromialgia è sempre in agguato per questo seguo delle regole e uno stile di vita sano, che troverai in questo articolo. Te lo voglio proprio raccontare per esserti d’aiuto perché se ci sono riuscita io, puoi farlo anche tu. Voglio dare una testimonianza di come ho sconfitto la fibromialgia, con immenso rispetto verso tutti coloro che sono affetti da questa patologia e lottano ogni giorno. Sono sicura che l’aiuto può arrivare anche da semplici parole e che con molta forza di volontà puoi mettere in pratica e riuscire a stare meglio e anche guarire.

donna davanti al mare in meditazione

La mia storia con la Fibromialgia

Scopro di avere la fibromialgia, dopo anni di stanchezza cronica e di dolori in tutto il corpo tanto da non camminare più, nel 2015. Erano anni che prendevo antinfiammatori antidolorifici per poi stare bene solo un paio di ore al giorno, sempre in compagnia di paure, mente annebbiata e pensieri di morte. Notti interminabili insonni. Gli odori mi davano la nausea, tutti gli odori, li sentivo amplificati da infastidirmi a tal punto che dovevo allontanarmi e andare all’aria aperta. L’udito era amplificato, sentivo qualsiasi rumore e questo teneva sempre in allarme. La vista; a volte vedevo solo fino a metà occhio, se guardavo in basso era come se fossi immersa nell’acqua fin lì. Una mattina mi sono svegliata ed ero completamente bloccata nel mio letto. Rigida non mi potevo muovere. Quel giorno ho deciso che non volevo più andare avanti così, le cose dovevano cambiare.

Cosa ho fatto per sconfiggere la Fibromialgia

Ho riallineato il mio corpo alla mia anima attraverso la meditazione, mi sono affidata ad un fisioterapista esperto e ho cambiato alimentazione. Per un lungo periodo ho eliminato i carboidrati, gli zuccheri, il tè, il caffè e le solanacee. Il primo risultato è stato ritrovare il sonno ristoratore, importantissimo per chi soffre di fibromialgia. Ho imparato a dire no, a dare priorità a me stessa dedicandomi il tempo di cui avevo bisogno per curarmi e amarmi. Espormi al sole ogni giorno almeno per 15 minuti senza protezione anche in inverno, Elioterapia. Ascoltare musica rilassante. Fare una passeggiata di 20/25 minuti tutti i giorni. Un bagno rilassante la sera prima di coricarmi, senza bagnare i capelli (altrimenti i benefici se ne vanno con il phon). Fare un breve riposo pomeridiano è quello che ho sperimentato su me stessa. Oggi mi dichiaro guarita, seguendo con costanza queste regole sono arrivata a fare cose che non avrei mai pensato di fare. Una di queste è la Maratona di NY nel 2018 e per una che quasi non camminava più è una grande vittoria. Io ce l’ho fatta, sono sicura che anche tu puoi! 

Meditazione

Le mie regole: come ho sconfitto la Fibromialgia

Fondamentale per sconfiggere la fibromialgia è stato dedicarmi del tempo tutto per me!

Imparare a rispondere No, non puoi accontentare tutti!

Amare me stessa!

La meditazione per ritrovare il sonno ristoratore e togliere l’ansia. Non dormivo o quasi . le mie notti erano un incubo, era come se il mio corpo giacesse su un braciere. Per i fibromialgici il sonno ristoratore è importantissimo. Ho scelto di seguire la meditazione guidata di Italo Pentimalli di Piuchepuoi.it per l’esattezza la PSQ, mi è servita molto ed è stato meraviglioso cominciare a dormire pian piano sempre di più e vedere i primi miglioramenti della qualità della mia vita.

Un’alimentazione adeguata: così ho iniziato a ridurre tutto quello che stimola il sistema nervoso, caffè tè e zuccheri e carboidrati e le solanacee e cioè pomodori patate peperoni e melanzane per diminuire l’infiammazione.

Dedicarmi del tempo. Cose da fare ogni giorno: passeggiate di 20/30 minuti, esporsi al sole per almeno 15/20 minuti, Elioterapia fa bene all’umore e alla produzione di vitamina D. Ascoltare musica rilassante. Fare un bagno rilassante in acqua calda con l’argilla verde ventilata prima di coricarsi.

la Fisioterapia: il mio corpo era sempre in atteggiamento di difesa per i forti dolori, così irrigidito da non poter fare più dei movimenti più consueti. Seguendo il programma del mio fisioterapista sportivo 3 volte alla settimana sono rinata sia fisicamente che psicologicamente. Con le sue cure, ho visto che potevo farcela.

La mia esperienza con questa malattia mi ha fatto capire quanto si può essere fragili, e che è inutile cercare di essere perfetti, la perfezione non esiste, e di quanto sia importante amare se stessi e concedersi del tempo per avere cura del corpo e della mente.

Dedicati ogni giorno a una cosa che ti piace, la tua anima ne ha bisogno

Share and Enjoy !

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *